Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
iic_buenosaires

Per argentini in Italia

 

Per argentini in Italia

INFORMAZIONI GENERALI: 

Ogni anno il Governo Italiano concerta un determinato numero di borse di studio a cittadini argentini ed italiani, con residenza permanente in Argentina, che desiderino effettuare studi o ricerche presso una Universitá statale italiana, presso Accademie, Conservatori, Istituti di Restauro, la Scuola Nazionale di Cinema, Centri e Laboratori di Ricerca, Bibilioteche, Archivi, Musei e altre istituzioni statali o riconosciute dallo Stato italiano.
                                                                   
Requisito indispensabile é dimostrare la conoscenza della lingua italiana.

Fatta eccezione per l'Istituto Universitario Europeo, istituzione universitaria intergovernativa collegata alle istituzioni comunitarie, e per le università non statali relativamente alla frequenza di corsi che terminano con il rilascio di titoli aventi valore legale in Italia, non possono essere concesse borse per la frequenza di corsi presso:

  • le istituzioni straniere (università, accademie, biblioteche, scuole di qualsiasi natura) anche se ubicate in Italia;
  • i centri o i laboratori di ricerca privati non riconosciuti; 

Limite di etá:

  • non possono essere accolte le domande di borsisti che abbiano superato il 35° anno di età alla scadenza del bando; I docenti di lingua italiana possono candidarsi a corsi di perfezionamento di didattica dell'italiano, a condizione che svolgano effettivamente attività d'insegnamento della lingua italiana e che non abbiano compiuto i 45 anni di età alla data di scadenza del bando.
  • in nessun caso le borse potranno essere assegnate a giovani che, al momento della fruizione della borsa stessa, non siano maggiorenni;
  • considerato che alcune istituzioni per proprio regolamento pongono limiti di età diversi, è comunque opportuno verificare tali limiti direttamente con le istituzioni interessate..

I CANDIDATI IN POSSESSO DELLA DOPPIA CITTADINANZA DOVRANNO PRESENTARSI COME ITALIANI RESIDENTI ALL’ESTERO (IRE).

IL CANDIDATO PORTÀ EFFETTUARE:

  • Progetti di ricerca in co-tutela:  in tutte le discipline, presso il CNR, l'Istituto Superiore di Sanità, l'Istituto di Fisica Nucleare e altri enti di ricerca, incluse Biblioteche, di analogo livello. E' indispensabile una lettera di accettazione da parte dell'istituzione accademica ospitante.

  • Corsi post-universitari:  Laurea Specialistica/Magistrale (2° Ciclo), master di I° e II° livello (della durata di almeno un anno accademico), dottorati di ricerca e specializzazioni :

    A) Dottorati di ricerca: L'ammissione ai dottorati di ricerca è regolata da disposizioni emanate dalle singole università. Si raccomanda, pertanto, di prendere contatto con ciascun ateneo, anche attraverso la consultazione dei relativi siti internet. Poiché l'accesso ai dottorati prevede generalmente una selezione, è consigliabile presentare un programma alternativo sempre nell'ambito della stessa tipologia di studi e/o ricerche per evitare, in caso di non ammissione, la sospensione della borsa. Per aumentare le possibilità di riuscita, è opportuno che la domanda di ammissione alla prova selettiva venga presentata presso più sedi universitarie. Si ricorda, inoltre, che i candidati devono prevedere un programma di studio da svolgere nel periodo intercorrente tra la prova d'ammissione e l'inizio effettivo del corso.

    B) Corsi Master di I e II livello: i candidati a borse di studio per master sono tenuti a verificare i costi, di norma molto elevati, delle iscrizioni e la possibilità che il master preveda permanenze presso istituzioni aventi sede fuori d'Italia, a volte anche di vari mesi.

    C) Specializzazioni: dalle specializzazioni sono escluse le discipline mediche, (Cfr. D. Lgs. 08.08.1991 n. 257).

  • Corsi vari di alta formazione artistica e musicale:  da seguire presso Istituti di Alta Formazione Artistica, Musicale e Coreutica (Accademie, Conservatori, ISIA, ecc.), presso Istituti di Restauro e presso la Scuola Nazionale di Cinema, per accedere ai quali occorre il diploma di scuola media superiore.

  • Corsi di perfezionamento per docenti di lingua italiana:  I corsi di lingua e cultura italiana sono riservati ai docenti stranieri di lingua italiana. Per quanto riguarda lo studio della lingua italiana e della didattica della lingua italiana, le borse vengono concesse per seguire i corsi specifici che si svolgono presso le istituzioni abilitate al rilascio della certificazione dell'italiano come lingua straniera (L2).

  • Corsi avanzati di lingua e cultura italiana: per poter concorrere per questa tipologia di borsa, il candidato deve aver superato nel Paese di provenienza almeno un esame universitario di lingua italiana. I corsi dovranno concludersi con l’acquisizione di una certificazione tipo CILS, CELI, PLIDA o IT Roma Tre, almeno di livello B1.

IN OGNI CASO IL CANDIDATO DOVRÀ VERIFICARE LE NORME DI AMMISSIONE STABILITE DALLA ISTITUZIONE PRESCELTA NONCHÈ SULLA DURATA E INIZIO DEL CORSO


CARATTERISTICHE DELLA BORSA DI STUDIO:

  • assegnazione mensile di un borsellino il cui importo sarà confermato opportunamente;
  • assicurazione sanitaria


LA BORSA DI STUDIO NON PREVEDE NE' LA COPERTURA DELLE TASSE D'ISCRIZIONE AL CORSO PRESCELTO, NE' IL BIGLIETTO AEREO, NE' LE SPESE DI VITTO E ALLOGGIO.

Per informazioni sui corsi, sulle universitá, sui centri di ricerca, etc., in Italia, gli interessati potranno consultare i seguenti siti web:

La selezione annuale dei borsisti ha luogo durante i mesi di aprile/ maggio ed é effettuata da una Commissione esaminatrice italo-argentina, composta da rappresentanti del Ministero della Pubblica Istruzione, del Ministero degli Affari Esteri argentino e dell’Ambasciata d’Italia.

SI SUGGERISCE  DI CONSULTARE ANCHE IL SETTORE   PROGETTI SPECIALI E ALTRE BORSE"

L'AMBASCIATA D'ITALIA IN BUENOS AIRES E IL MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI E DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE NON SI ASSUMONO RESPONSABILITÀ PER EVENTUALI DANNI DERIVANTI DALLA SCELTA DI UNA DELLE RESIDENZE UNIVERSITARIE RIPORTATE A DESTRA.


63